Google BERT: il nuovo algoritmo di Google

Google BERT è attivo per la lingua italiana dagli ultimi mesi del 2019. Il nuovo aggiornamento dell’algoritmo di Google che modifica il modo in cui Google interpreta le ricerche fatte dagli utenti.

Le nuove modifiche hanno effetto sul circa 10% delle parole chiave cercate e BERT è uno dei più importanti aggiornamenti di Google degli ultimi 5 anni, ovvero dal precedente rilascio di Rank Brain.

In altre parole, ci sono davvero buone possibilità che questo abbia un impatto sul tuo sito. E se non lo fa, con l’aumentare del traffico, alla fine influenzerà il tuo sito.

Quindi cos’è BERT?

Bert è l’abbreviazione dei termini inglesi “Bidirectional Encoder Representations from Transformers” che in italiano indica che Google ora è in grado di capire meglio le reali intenzioni di ricerca dell’utente grazie ad una migliore interpretazione del contesto e del linguaggio naturale (contrapposto al linguaggio macchina tipico dei computer).

Già da anni Google ci ha abituato con risposte brevi a domande semplici (ad esempio date relative a personaggi famosi, calcoli matematici, ecc.), ma mai come ora si era dimostrato capace di comprendere il contesto.

Alcuni esempi sull’efficacia di BERT

Google presentando il nuovo aggiornamento ha portato alcuni esempi per mostrarne l’efficacia:

ESEMPIO 1

Google Bert

La ricerca chiede se nel 2019 un brasiliano per poter andare negli Stati Uniti avesse bisogno del visto. Il risultato sulla sinistra risponde malamente in quanto il primo sito web che propone risponde esattamente alla domanda contraria (un cittadino USA vuole andare in Brasile). L’immagine sulla destra è la risposta che Google offre con l’introduzione di BERT, ovvero il link al sito web dell’ambasciata USA in Brasile, posto ideale per chiedere informazioni ed eventualmente il visto.

ESEMPIO 2

matematica

La parola chiave del secondo esempio è “libri di esercizi di matematica per adulti”

In questo caso il primo risultato di entrambi i test è il link ad un libro su Amazon, ma nella foto a sinistra è segnalato un libro per bambini, mentre con BERT Google mette al primo posto un libro di matematica scritto appositamente per chi vuole re-imparare la matematica da adulto, centrando perfettamente l’intento di ricerca dell’utente.

Devi cambiare la tua strategia SEO

Esistono tre tipi di query che le persone in genere eseguono quando eseguono una ricerca:

  1. Informazionali;
  2. Navigazionali;
  3. Transazionali;

Una chiave informazionale rappresenta solitamente il primo punto di contatto con un potenziale cliente il quale, al momento, sta solo cercando informazioni (esempio “Cos’è la SEO”)

Le chiavi navigazioni, invece, rappresentano un passaggio più evoluto in quanto l’intento di ricerca inizia ad essere più specifico (“esperti seo con WordPress”)

Infine, la chiave transazionale include un intento d’azione più o meno esplicito (“preventivo esperto seo”)

Per la nostra esperienza, quest’ultimo aggiornamento denominato BERT sta agendo con i suoi effetti nelle parole chiavi informazionali, ovvero nel primo step di contatto con un sito.

× Come possiamo aiutarti ?